Istituto di Istruzione Superiore
San Giovanni in Persiceto (Bo)
Tel. 051 821832/823651 - E-mail: informazioni@archimede.gov.it

San Giovanni Battista a san Giovanni in Persiceto.

di Giorgio Veronesi

Il primo documento ufficiale che lega San Giovanni al toponimo Persiceto risale al 7 Maggio 936: si tratta di una permuta di terreni tra il conte di Bologna e l’abate di Modena stipulata in un sito della Pieve ‘Sancti Johannis in Persiceto’. Una Pieve quindi, chiesa in cui si poteva battezzare. La data, riporta uno storico, si potrebbe essere retrodatata anche all’anno 899. (vedi Forni)

Mentre è tuttora incerta l’origine del termine di Persicetum, forse un’area geografica più che legata all’albero di frutta, San Giovanni è chiaramente il Battista, santo prediletto dai Longobardi che da metà dell’VIII secolo si erano insediati nel nostro territorio, sembra con un Ducato.

In un altro documento conservato nell’Archivio di Stato di Bologna, datato 3 maggio 1123, viene menzionato 'Regimundus’ come arciprete della Collegiata di San Giovanni Battista, facendo per di più menzione ‘agli arcipreti precedenti’. (vedi Forni)

In ulteriori documenti del 1215 e 1265 vengono indicati, oltre i nostri arcipreti , anche alcuni canonici della nostra Pieve, per cui la nostra Collegiata fu più tardi insignita della seconda priorità, per ‘anzianità’, in tutta la diocesi di Bologna. (vedi Forni)

Il parroco attuale, don Giovanni Bonfiglioli, è il 40° della collegiata di san Giovanni Battista, a sequela del primo (appunto Regimundus) di cui si conosce il nome. (ibidem)

San Giovanni Battista è l’unico santo a venir festeggiato dalla Chiesa, e anche dalla nostra parrocchia che l’ha come patrono, sia nel giorno della nascita (24 giugno) sia nel giorno della morte (per la chiesa il ‘dies’ natalis), ossia il 29 Agosto.

Negli ultimi 150 anni le pale dell’altare Maggiore della nostra Collegiata riportano sempre dipinti che si riferiscono alla decollazione (il martirio) del santo Patrono. Il nostro Museo di Arte Sacra contiene diverse opere che lo rappresentano.

La Parrocchia e la Collegiata sono comunque oggi intitolate a san Giovanni Battista.

In passato la fiera legata alla festività del Patrono era il 29 Agosto, poi fu spostata al 24 Giugno. Forse per l’attività agricola molto intensa in questo periodo (mietitura del grano, tradizionalmente dopo il 21 giugno) che poteva impedire una partecipazione alla fiera da parte dei lavoratori agricoli, una seconda fiera fu instaurata nella quarta domenica del mese di settembre, sempre col consenso del vescovo di Bologna (vedi Forni).

In più di 1000, forse 1300, anni, il nome di san Giovanni Battista ha sempre accompagnato il nome della cittadina (‘città’ dal 1838) Persiceto, tranne che nel periodo tra gli anni 1912-1928 in cui l’amministrazione comunale socialista fece togliere il nome del Santo per spirito anticlericale (vedi sito del Comune, ma anche vari Borgo rotondo: "Nel 1907 i socialisti presero possesso del comune di San Giovanni in Persiceto e lo ribattezzarono 'Persiceto' per spirito anticlericale").

E’ curioso il fatto che nel dialetto locale, radicato nelle nostre origini, la nostra località venga chiamata sempre e solo ‘san Zvan’ (‘a son ed San Zvan’- ‘a vag a san Zvan’- ‘a vein da San Zvan’) e i cittadini ‘Sanzvanis’, mentre in lingua italiana si usa ‘Persiceto’ e ‘persicetani’. Il carnevale viene indifferentemente chiamato ‘Caranvel ed sanZvan’ e ‘Carnevale di San Giovanni.’ Quando si vuole sottolineare la sua antichità si preferisce la forma dialettale, sentita meno asettica.

L’indicazione "San Giovanni in Persiceto" può venir indubbiamente avvertita ‘lunga’ , in un’epoca di acronimi, codici e twitter, e c’è la tendenza a tralasciare il nome del Santo in varie denominazioni associative, tuttavia oggi è stato proposto, e viene impiegato con affetto, anche il diminutivo ‘SanGio’.

Curiosità: I vecchi ricordano che nei primissimi anni dopo l’ultimo conflitto mondiale la squadra di calcio ‘Persicetana’ si unì a quella di Panigale Scala (Panigal’) formando per un anno la ‘Pers-panigal’. Fu tutta una sconfitta. Una pers..ita.

con il consenso dell'Autore, tratto da "San Giovanni Battista", a cura di Michele Pagnoni


Pubblicata il 08 giugno 2017